Risposta : melograno nano

Risposta : melograno nano

La Punica Granatum, nome scientifico del melograno, è un albero che fa parte della famiglia delle Punicaceae, nativa della zona centrale dell'Asia ma importata già in tempi antichi nel bacino del Mediterraneo, attraverso le carovane dei mercanti e poi dai Fenici che ne impiantarono grandi coltivazioni nella colonia di Cartagine. Il nome scientifico proviene proprio dall'appellativo latino Punica, con cui i Romani indicavano la loro eterna nemica. I Cartaginesi la diffusero attraverso i loro viaggi commerciali, e il melograno divenne uno degli alberi da frutto più popolari, con molte estensioni facilmente visibili lungo le vie carovaniere.

Di altezza media di circa tre metri, presenta un fogliame scarso con foglie caduche lisce ed ellittiche, coriacee. Le infiorescenze sono dei graziosi fiori rossi a calice di un bel rosso sangue.

Ma sono i frutti l'aspetto più importante della pianta, nutrienti e rivestiti di una resistente scorza legnosa grande, che occupa molto spazio e contiene i semi, carnosi e succulenti, utilizzati nella nutrizione e nella preparazione degli sciroppi da bar come la granatina.

Il melograno è un albero molto resistente, dalle caratteristiche tipiche della pianta mediterranea. Praticamente autonomo può crescere su qualsiasi tipo di terreno, anche il più secco e povero, senza essere irrigato. Si suggerisce anzi di non irrigare affatto la pianta se coltivata in giardino in quanto non sopporta l'umidità. Necessita di ottime esposizioni solari dirette e una temperatura calda. Non conosce avversità e si moltiplica facilmente sia per semina che per talea.

Risposta : melograno nano

Magnolia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,56€
(Risparmi 0,06€)




COMMENTI SULL' ARTICOLO