Coltivazione dell'oleandro

Coltivazione dell'oleandro: Pianta dell'oleandro

Oleandro

Tra le principali caratteristiche della pianta di oleandro troviamo sicuramente il fatto di essere in grado di adeguarsi senza troppi problemi a tanti tipi differenti di terreno. Per fare in modo che queste piante fioriscano nel migliore dei modi, è importante che vengano organizzate della annaffiature che siano particolarmente abbondanti durante la stagione in cui le temperature sono elevate.

Come si può facilmente intuire, nel corso della stagione invernale le annaffiature dovranno essere notevolmente ridotte. Le concimazioni devono essere pratiche in modo costante e regolare per fare in modo di garantire una buona fioritura. Il suggerimento migliore da seguire è quello che prevede di impiegare dei concimi granulari a lenta cessione; l’alternativa migliore è quella rappresentata dall’uso di fertilizzanti liquidi che abbiano però una notevole concentrazione di potassio che devono essere somministrati con una cadenza di circa dieci giorni.

Una soluzione ancora più ottimale è sicuramente quella di provvedere a diluire il concime liquido e poi metterlo a disposizione della pianta in modo regolare insieme alle annaffiature.

La pianta di oleandro riuscirà sicuramente a trarre un buon vantaggio dal fatto di concederle regolarmente dei nuovi nutrienti. Per quanto riguarda la coltivazione delle piante di oleandro in vaso, è bene mettere in evidenza come l’operazione del rinvaso deve essere portata a termine almeno ogni due anni. La concimazione deve essere svolta utilizzando del concime granulare e, qualche volta, è sempre meglio mescolarla con del sangue di bue.

 

Oleandro

TAVOLA ABETE LAMELLARE CM 2,8X40X250 MM 28X400X2500 Confezione da 1PZ

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48,56€



COMMENTI SULL' ARTICOLO