La pianta del faggio

La pianta del faggio: Diffusione e caratteristiche dei faggi

Faggio

Non c’è niente da fare: parlare della natura vuol dire avere sempre degli argomenti utili e interessanti da affrontare. La natura è un libro sempre aperto, impossibile da chiudere, e impossibile da considerare ripetitivo. Ogni elemento naturale ha le sue caratteristiche, le sue peculiarità, e la capacità di farci sentire bene raccontandoci storie speciali. Prendete per esempio il faggio: si tratta di una pianta che trovare in Italia è estremamente facile, per tante ragioni. La più importante è senza dubbio la duttilità di questo elemento naturale: parlare del faggio vuol dire trovarsi di fronte a un albero che si può trovare sul Gargano come sulle Alpi e sugli Appennini.

Le alture italiane ospitano decine e decine di boschi di faggio, ma questi luoghi hanno una caratteristica particolare. Oltre al fatto di ospitare piante che sanno regalare frescura e sollievo a chi sceglie di trascorrere del tempo beneficiando della loro ombra, i boschi di faggio non accolgono altre piante, sono omogenei. Per cui, chi varca la soglia di una faggeta, può trovare al massimo qualche abete o qualche pino, ma difficilmente si imbatterà in qualche elemento naturale che non sia legato al faggio.

Il faggio, insomma, è una pianta destinata a fare storia: al termine delle ere glaciali, moltissimi boschi furono spazzati via. Con il trascorrere dei secoli le piante più forti sono tornate a popolare la terra, e il faggio rientra senza dubbio in questa categoria. Chi ama la leggenda applicata alla natura, considera il faggio il custode della conoscenza.

Faggio

Wüsthof 7275 - 7275 - Ceppo per coltelli, in faggio con magnete interno, Ø 18 cm, altezza: 27 cm, ospita fino a 12 coltelli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 128,12€
(Risparmi 4,13€)



COMMENTI SULL' ARTICOLO