La tradizione dell'albero di Natale

La tradizione dell'albero di Natale: Abete

Albero Natale

L'albero di Natale è una delle tradizioni più radicate del mondo occidentale, da esporre e decorare nelle case nel periodo natalizio.

Questa tradizione in verità sembra di origine danese, comunque sia pagana, ereditata dalla cultura celtica.

In Italia si utilizza il Peccio, una varietà comune dell'abete rosso molto diffusa nel nostro paese, mentre nel resto d'Europa si usano altre specie di abeti. Una raccomandazione molto sentita è quella di trovare una collocazione per l'albero vivo una volta terminato il periodo natalizio, presso molti vivai e associazioni che si occupano di riprendere gli alberi utilizzati. Questi infatti sono utilissimi alla riforestazione delle zone disboscate.

Il motivo per cui fu scelto l'abete per questa tradizione sembra sia dovuto alla sua natura sempreverde, che simboleggia la continuazione della vita nel periodo invernale. Forse il primo albero “cattolico” fu esposto a favore della tradizione cattolica in Estonia, ne quattrocento.

Oggi la tradizione vuole che tutti le città del mondo cattolico espongano gli alberi di Natale nelle piazze principali. Naturalmente per queste decorazioni vengono utilizzati esemplari adulti, che poi verranno ripiantati nei boschi.

Possono essere utilizzati anche alberi differenti, ma sempre del genere delle conifere, con la classica forma piramidale.

Meno utilizzati negli ultimi anni gli alberi in plastica, grazie a delle campagne ecologiste per la riduzione del consumo di petrolio. Questi alberi hanno il vantaggio di poter essere riciclati ogni anno, ma pongono un problema di inquinamento non indifferente nella loro produzione.

Gli alberi vivi invece possono partecipare, grazie al contributo di tutti, alla riforestazione del nostro paese, o se si dispone di un giardino, all'abbellimento del vostro spazio verde.

Albero Natale

Neudorff 4005240001547 Azet pomodori kg. 1 Piante orto Giardino concimi granulari, Unica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,15€



COMMENTI SULL' ARTICOLO