Varietà di fico d'India

Varietà di fico d'India

Il fico d'India è una pianta succulenta (o pianta grassa) della famiglia del cactus di origine messicana ma ormai diffusa in tutti i climi caldi e temperati del mondo. Fu introdotta in Europa e poi nel resto del mondo a partire dalla scoperta delle Americhe.

Il suo andamento è arboreo con altezze anche di 4 metri, anche se l'aspetto è molto particolare con i fusti divisi i numerosissime pale carnose e porose, piatte e di dimensioni tra i 25 e i 40 centimetri. Scientificamente detti cladodi i fusti svolgono anche le funzioni del fogliame, come organo deputato alla fotosintesi, mentre le foglie vere e proprie sono piccolissime e quasi impercettibili, con vita breve. Le pale sono protette da spine, e sviluppano le infiorescenze che potranno dar vita o ai frutti o ad altre radici. Quest'ultime sono di superficie e non raggiungono i 30 centimetri di profondità ma con un'espansione orizzontale notevole.

Le infiorescenze gialle sviluppano i frutti carnosi di buone dimensioni e commestibili nei quali sono contenuti i semi.

Il suo clima ideale è quello arido e siccitoso, ed ha un portamento infestante tanto che in alcune regioni si sono posti dei limiti alla sua coltivazione.

Come tutte le piante succulente necessita di un'irrigazione povera, e un terreno non fertile ed arido ma dal drenaggio perfetto soprattutto per difendere l'apparato radicale, delicato e superficiale.

Tra gli insetti nocivi per il fico d'India abbiamo le cocciniglie, le mosche della frutta, la farfalla del cactus e a volte anche le vespe.

In Italia la sua coltivazione è tipica del profondo sud, con Sicilia e Puglia in testa. Nei paesi poveri ed aridi rappresenta un alimento importante, anche perché ricco di minerali e vitamine.

Varietà di fico d'India

14 pezzi piante grasse Tools, Pathonor mini attrezzi da giardino in miniatura Fairy Garden Tools kit strumenti per bonsai impianto set con forbici, mini rastrello, paletta, trapiantare Tool annaffiatoio etc

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,17€




COMMENTI SULL' ARTICOLO