Papiro

  • In questa pagina parleremo di :

Papiro

Nel momento in cui si ha intenzione di coltivare una pianta come il papiro, il consiglio è quello di prestare la massima attenzione alle annaffiature: si tratta di un aspetto davvero molto importante, dal momento che si possono considerare come delle piante tipicamente acquatiche.

Queste piante si caratterizzano per essere in grado di non riuscire assolutamente a sopravvivere all’interno di una zona e di un terreno tipicamente siccitosi. Ecco spiegato il motivo per cui bisogna sempre prestare la massima attenzione ad annaffiare in modo frequente e costante la pianta del papiro, in maniera tale che queste specie rimangano sempre completamente inzuppate di acqua.

Nel caso in cui le piante di papiro vengano coltivate all’interno di luoghi che sono caratterizzati da un clima tipicamente mite durante la stagione invernale, allora il consiglio è quello di mettere a dimora il papiro vicino ad un laghetto, ma anche nei pressi di un giardino.

Per quanto riguarda la coltivazione delle piante di papiro, bisogna sottolineare come il vaso che viene impiegato debba essere conservato costantemente ricco di acqua: in questo modo, i rizomi devono essere sempre sommersi da almeno 10-15 centimetri di acqua.

Ad ogni modo, il fatto che l’acqua evapora continuamente a partire dal sottovaso è positivo, visto che farà in modo di garantire una buona umidità a livello ambientale. E’ importante prestare la massima attenzione al rabbocco costante e regolare del sottovaso, cercando di conservare il livello dell’acqua sempre uguale.

Papiro

Emsa 512668 - Vaso di fiori "Siena" da giardino in polipropilene, 26 cm, bianco perla

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€
(Risparmi 10,81€)




COMMENTI SULL' ARTICOLO