Innaffiatura calla

Innaffiatura calla

Nel momento in cui si ha intenzione di coltivare delle piante come le calle bianche, è opportuno mettere in evidenza come queste specie si caratterizzano per essere estremamente facili da coltivare.

La messa a dimora delle piante di calla deve verificarsi per forza di cose nel corso della stagione autunnale, cercando sempre di preparare un ottimo terreno, che sia al contempo molto fresco ed estremamente soffice.

Non dobbiamo dimenticare come il terreno deve essere notevolmente ricco, cercando di coltivare le piante di calle bianche in una zona semi-ombreggiata del giardino. Tra le principali caratteristiche delle calle bianche troviamo sicuramente il fatto di essere in grado di offrire un elevato livello di resistenza nei confronti delle basse temperature, anche in virtù del fatto che in tutte quelle zone che sono caratterizzate da un clima estremamente rigido, le calle perdono la parte aerea, finendo in una sorta di riposo vegetativo.

Ovviamente, lo sviluppo delle piante di calla riprenderà nel momento in cui arriverà la stagione primaverile: nel momento in cui queste specie riprendono a germogliare, ecco che è necessario provvedere ad effettuare delle annaffiature costanti e regolari, cercando di conservare il terreno sempre leggermente umido, anche se c’è la possibilità di sopportare dei periodi di siccità particolarmente brevi.

L’esposizione perfetta per le specie di calle è certamente quella in pieno sole, in cui possono produrre dei fiori senza alcun problema, anche se sono in grado di sopportare le zone di mezz’ombra ed ombra.

Innaffiatura calla

GREEN24 - Fertilizzante liquido per orchidee, formula avanzata per radici, terreno, foglie - Prodotto professionale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,95€


L'habitat naturale della calla

L'habitat naturale della calla La calla è una pianta originaria dell'Africa, cresce in maniera spontanea nei pressi del fiume Transaval, fu portata in Europa nel 1700 e la sua classificazione - circa un secolo dopo - si deve al botanico Francesco Zantedeschi che ha dato il nome al genere: Zantedeschia. Caratteristica la forma del fiore, che in realtà è una foglia deformata, composto da una parte cilindrica chiamata spadice e da un "petalo" che porta il nome di spata. Varie le tipologie di calla, in base alle quali muta anche il periodo di fioritura. Si tratta di piante che non temono sbalzi di temperatura, caldo o freddo non fa differenza, questo anche grazie alle ibridazioni condotte nel corso degli anni. L'irrigazione di questa pianta avviene principalmente durante la stagione della fioritura, in questo periodo è necessario un forte contributo idrico, poi all'ingiallimento dei fiori è necessario moderare l'acqua per poi riprendere allo sbocciare di fiori.

Pean (Papiros Verolinou)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0,99€




COMMENTI SULL' ARTICOLO