Fico d'India origine

Fico d'India origine: Fico d'India

Fico d'India

Il fico d’india è un frutto le cui origini appartengono al Sud America e non come il nome lascia intuire all’india. in quanto questo frutto fu scoperto da Cristoforo Colombo, che nonostante fosse approdato alle coste del sud America pensava che fossero le Indie, e importò tutti i prodotti che non erano mai stati visti in Europa credendo che fossero indiani. In realtà questi prodotti oggi vengono riconosciuti come originari del sud America, in quanto negli anni si è scoperto il grave errore che inconsapevolmente commise Colombo. Il fico d’india, chiamato così per una somiglianza con quello nostrano, in realtà ha una differenza ben evidente, ovvero la superficie ricoperta di spine, molto dure e appuntite, che farebbero male a chiunque tenti di avvicinarsi troppi. Per questo motivo vi è bisogno di guanti e di pinze per poter raccogliere questi frutti. Anche il fusto della pianta, costituito da strutture simili a foglie, ma molte spesse che si legano l’una sull’altra. Il fusto ha forma irregolare, composto da varie parti che si legano senza un ordine ben preciso. Queste sono di colore verde e presentano spine sulla loro superficie, altrimenti liscia come la pelle di un bambino. Le spine non sono null’altro che foglie modificate, e i frutti crescono tra di esse. Anche i frutti hanno spine sulla loro superficie liscia, ma il colore dei frutti è diverso dal fusto, questo è aranci con sfumature nel giallo e nel rosso, con una polpa intera molto succosa, che presenta però qualche nocciolo da scartare.
Fico d'India

Parassiti e malattie delle piante. Come sconfiggerli in giardino, nell'orto e sul balcone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,1€
(Risparmi 3,8€)



COMMENTI SULL' ARTICOLO