Annafiatture del fico d'India

Annafiatture del fico d'India: Irrigazione ed esposizione

Fico d'India

La coltivazione delle piante di fico d’india prevede sicuramente di prestare la massima attenzione all’esposizione. Infatti, queste piante hanno bisogno di crescere in zone sempre colpite dai raggi del sole, anche se comunque hanno un ottimo livello di resistenza.

Infatti, le piante di fico d’india si caratterizzano per essere in grado di sopportare anche delle temperature che vanno notevolmente sotto lo zero termico. Ad ogni modo, il suggerimento migliore da seguire è quello che prevede la collocazione delle piante di fico d’india in una zona ampiamente riparata nel corso della stagione invernale, in tutti quei luoghi in cui gli inverni sono particolarmente rigidi.

Tra le principali caratteristiche delle piante giovani troviamo sicuramente il fatto di dover ricevere delle annaffiature in modo sporadico: l’intervento deve essere almeno mensile durante il periodo che intercorre tra il mese di marzo e quello di ottobre. Le piante che sono state messe a dimora da diverso tempo, nella maggior parte dei casi, riescono a vivere anche solo con le piogge. Solamente nel caso in cui si verifichino dei casi di siccità particolarmente prolungata, allora si può intervenire con delle annaffiature anche nei confronti delle piante già adulte.

Per quanto riguarda il terreno, è importante mettere in evidenza come le piante di fico d’india sono in grado di svilupparsi nel migliore dei modi in ogni tipologia di terreno, a patto però che quest’ultimo sia decisamente sabbioso ed anche ben drenato.

Fico d'India

Calle stampo in silicone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,27€



COMMENTI SULL' ARTICOLO