Rucola in cucina

Rucola in cucina

La rucola si può considerare come una delle erbe maggiormente impiegate e diffuse in tutto il mondo, al punto tale che ci sono pure due piante che prendono lo stesso nome di rucola.

La prima pianta è quella che prende il nome di Eruca sativa ed è proprio la rucola che viene coltivata, mentre la seconda pianta chiamata in quel modo si caratterizza per essere selvatica e per corrispondere alla Diplotaxis tenuifolia.

L’Eruca sativa si caratterizza per essere una pianta orticola, che è nata all’interno del Vecchio Continente, ma anche in Asia; nel secondo caso, invece, si fa riferimento ad una pianta selvatica dalle ridotte dimensioni.

In entrambi i casi troviamo la denominazione di rucola, dal momento che si caratterizzano per avere un sapore decisamente simile. La pianta della Eruca sativa si caratterizza per essere una specie tipicamente annuale , che deve essere riseminata anno dopo anno, a partire dal periodo compreso tra i mesi di aprile e di maggio.

Nel caso della Diplotaxis tenuifolia, infatti, si fa riferimento a delle piante perenni, che nel caso in cui non vengano estirpate possono crescere notevolmente anno dopo anno sia all’interno degli orti che dei giardini.

Tra le principali caratteristiche delle piante di rucola troviamo certamente il fatto di essere degli ortaggi che si possono coltivare con estrema facilità: è sufficiente poter contare su uno spazio anche ridotto, ma che sia stato lavorato e concimato alla perfezione. In questo spazio si potrà proprio procedere con la semina dei semi scuri e molto piccoli.

Rucola in cucina

SEMENTI DI ORTAGGI DI VARIETA' STRANE & BUONE IN BUSTINE PER USO HOBBYSTICO (goji antiossidante)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,2€




COMMENTI SULL' ARTICOLO