Come trapiantare il basilico

Come trapiantare il basilico

Tra le principali caratteristiche delle piante di basilico troviamo sicuramente il fatto di amare svilupparsi all’interno di luoghi che presentano un clima tendenzialmente caldo: è importante che non ci siano dei particolari eccessi di caldo così come di freddo.

Ecco spiegato il motivo per cui si preferisce sempre collocare le piante di basilico all’interno di zone che siano semi-ombreggiate, evitando il contatto diretto con i raggi del sole. Il motivo è presto detto, dal momento che queste specie possono subire numerosi danni dal contatto con i raggi del sole nelle ore più calde della stagione estiva.

Tra le principali conseguenze dell’eccessiva esposizione ai raggi del sole diretti durante l’estate delle piante di basilico, troviamo la possibilità di assumere una colorazione spenta, con delle venatura tipicamente giallastre. Altri effetti negativi riguardano pure le foglie, che cominciano a perdere in fretta consistenza ed appassiscono molto più in fretta.

Per quanto riguarda le annaffiature, è importante sottolineare come debbano essere svolte nel modo più costante possibile, anche in virtù del fatto che le piante di basilico hanno la particolare tendenza a diventare flosce molto velocemente nel caso in cui non ricevono sufficienti quantitativi di acqua.

Il basilico è una di quelle piante che si caratterizzano per germogliare solamente nel momento in cui la stagione primaverile è già iniziata, in cui le temperature abbiano già frequentemente toccato i 15-20 gradi centigradi.

Ecco spiegato il motivo per cui se si avesse intenzione di ottenere un buon raccolto, è bene seminare in un letto caldo i semi di basilico già durante febbraio o marzo.

Come trapiantare il basilico

Derrière la Porte - Astuccio da appendere Leo, 28 x 18,5 x 18 cm, colore: Melanzana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30,49€




COMMENTI SULL' ARTICOLO