Come è fatto un decespugliatore a scoppio

Come è fatto un decespugliatore a scoppio

Il decespugliatore è un utile strumento da giardino. Ci dà la possibilità di falciare l'erba ed eliminare le sterpaglie, e viene utilizzato principalmente per rifinire i punti in cui il normale tosaerba non ci consente di raggiungere buoni risultati.

E’ formato da diversi componenti: un motore (può essere a scoppio oppure elettrico), retto da un’asta che finisce con una coppa (a protezione della lama).

Il punto di impugnatura è un elemento molto importante, poiché consente di tenere l'attrezzo ben fermo in modo tale da poter gestire al meglio i suoi movimenti.

Il sistema si avvia tramite accensione ed è fornito di un comando di accelerazione; è fondamentale che il decespugliatore abbia anche un dispositivo di arresto ad azione immediata, che permetta di fermare l’attrezzo in caso di necessità.

Occorre fare attenzione: il decespugliatore deve essere usato nel rigoroso rispetto di alcune norme, e le persone vanno tenute a non meno di quindici metri di distanza durante il suo utilizzo. Può capitare che per terra siano presenti piccoli corpi estranei come ad esempio sassolini: per questo motivo è suggeribile indossare una maschera di plastica a protezione degli occhi.

Come è fatto un decespugliatore a scoppio

EBERTH 3" Motopompa a scoppio (60.000 l/h, 6,5 CV Motore a benzina, 3 Pollici Raccordo, 30m Altezza massima dell'acqua, 7m Altezza di aspirazione, Avviatore a strappo)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 159,9€




COMMENTI SULL' ARTICOLO