Come si utilizza la bistorta

Come si utilizza la bistorta

La bistorta (denominazione scientifica Polygonum bistorta) è conosciuta ed utilizzata in diversi campi fin dai tempi antichi; si tratta di una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Polygonacee e che per forma biologica viene definita geofita rizomatosa: questa specie presenta un fusto sotterraneo che ogni anno rilascia nuove radici e nuovi fusti aerei.

Da un punto di vista strutturale, la bistorta si presenta discretamente alta: non supera mai i 75 cm di altezza, ha un fusto sottile e completamente glabro, sulla cui sommità ci sono dei piccoli fiorellini rosa o comunque di colore molto chiaro. Nella parte ipogea del fusto troviamo un rizoma orizzontale contorto e spesso ripiegato a 'U', mentre la parte epigea è contraddistinta da un fusto eretto e semplice, su cui si dipanano i fiorellini di cui sopra. Da notare che stiamo parlando di una specie vegetale che come habitat naturale predilige soltanto le zone freddo temperate del globo, per cui è pressochè impossibile trovarla nelle zone non comprese tra i 900 e i 2200 metri di altitudine.

La bistorta ricorre molto spesso in ambito curativo, a causa delle ottime proprietà antidiarroiche, vulnerarie, astringenti e febbrifughe: vi si preparano efficaci decotti. Oltre che per il notevolissimo potere astringente, le foglie di bistorta venivano (forse ancora oggi) utilizzate per la preparazione di numerosi piatti tipici della tradizione montanara.

Come si utilizza la bistorta

Gel Arnica 90% Ultra Attivo 100 ml - Forte Azione Lenitiva Efficace contro Contusioni, Ematomi, Dolori Muscolari - Ideale per gli Sportivi - Antinfiammatorio - MADE IN ITALY

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11€
(Risparmi 7€)




COMMENTI SULL' ARTICOLO