Camomilla quando annaffiare

Camomilla quando annaffiare

Chi parla di Camomilla (Matricaria recutita) allude in realtà ad una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Asteracee e la cui denominazione deriva dal greco e significa “umile e piccola mela”. In effetti, la camomilla ha il profumo della mela renetta.

Stiamo parlando di una specie vegetale originaria del continente europeo che si adatta a tantissimi tipi di terreno, cresce allo stato spontaneo sui prati, ma non oltre gli 800 metri di altitudine. I suoi fiori, contraddistinti da piccoli petali bianchi o di colore giallo chiaro, vengono utilizzati comunemente per la preparazione di decotti e infusi dotati di un blando potere sedativo. La camomilla è famosa soprattutto perchè con le sue componenti si ricava la bevanda calmante per eccellenza.

Sono molto ricorrenti i preparati a base di camomilla utilizzati per nebulizzazioni, linimenti e colliri. E’ dotata di buone proprietà anti-infiammatorie, e pertanto rintracciabile nella formula di dentifrici e creme calmanti. In omeopatia, i prodotti a base di camomilla vengono consigliati per combattere i dolori mestruali, ma anche otiti, coliche ed infiammazioni di vario genere.

Camomilla quando annaffiare

notebook: 6x9 cute lined journal | marigold calendula medicinal plant naturopathy

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,26€




COMMENTI SULL' ARTICOLO