Pianta aloe

Pianta aloe

La pianta aloe è appartenente alla categoria delle piante grasse e presenta delle particolari foglie succulente.

Inoltre, si tratta di una pianta che si caratterizza principalmente perché tale nome deriva dal termine greco “als-alos”, che in pratica vuol dire sale, ma anche mare, anche se molto più probabilmente voleva significare l’habitat ideale di queste piante che si trovava nei pressi delle zone marittime.

Ad ogni modo, sotto il nome di aloe possiamo trovare davvero un grandissimo numero di piante, circa duecentocinquanta, che fanno parte del famoso genere delle Liliacee, anche se la specie più famosa è, senza ombra di dubbio, l’aloe vera.

La pianta di aloe vera cresce spontaneamente all’interno di tutti quei terreni particolarmente secchi e calcarei, ma è possibile anche coltivarla sia per seme che per talea.

La maggior parte delle piante di aloe, presentano l’importante necessità di essere allevate all’aperto, senza dover essere sacrificate in un vaso.

Pianta aloe

Extragifts ecocube Aloe Vera - piante nel cubo di legno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Principi attivi dell'aloe

Principi attivi dell'aloe L'Aloe è una pianta "miracolosa" visto che è capace di curare particolari malattie e determinati sintomi. Questa pianta ha delle proprietà disintossicanti, cicatrizzanti disinfettanti, ed in passato l'aloe veniva spesso utilizzata per curare bruciature, ustioni e scottature. L'Aloe è composta da un fusto alto non più di mezzo metro, con foglie spinose e lanceolate di colore verde. L'Aloe vanta più di 160 differenti sostanze, tra cui vitamine e sali minerali che possono avere degli effetti lenitivi se utilizzati. L'Aloe è anche una splendida pianta ornamentale, e la sua riproduzione avviene per seme o per divisione dei rami basali chiamati polloni. Questa pianta è anche molto facile da coltivare e produce dei fiori di colore rossastro che hanno un forte impatto decorativo.

Exotenherz.de - Aloe vera, di circa 3 anni, vaso da 12 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€




COMMENTI SULL' ARTICOLO