Cura e manutenzione della liquirizia

Cura e manutenzione della liquirizia

Quando si parla di liquirizia, oltre che alla pianta vera e propria, ci si può riferire anche all'estratto ricavabile dalla stessa. Stiamo parlando di un elemento naturale tra i più conosciuti ed utilizzati in assoluto, originario della fascia mediterranea, ma comune anche in moltissime regioni asiatiche.

La specie più comune ed utilizzata cresce spontaneamente nel Mediterraneo e in Asia meridionale: il rizoma di questa pianta riesce a sviluppare stoloni e radici lunghi fino a quattro metri, che vengono raccolti ed essiccati nella stagione autunnale. Da questi, poi, si ricavano i prodotti finiti più vari, ascrivibili al settore erboristico ma anche a quello alimentare e dolciario

Fin dai secoli antichi, la tradizione popolare (il primo a consigliarla fu niente meno che Ippocrate) considera la liquirizia una specie vegetale di sicura affidabilità in ambito medico e curativo. Vi si preparano caramelle, bastoncini, radici essiccate e razioni tagliuzzate da utilizzare per decotti e tisane. Attenzione agli effetti collaterali: assumere più di mezzo grammo al giorno di glicirrizina (il principio attivo fondamentale) può causare l’aumento della pressione e della ritenzione idrica.

ALTA NATURA - SPIREA OLMARIA 50 ML MATER [6 CONFEZIONI] integratore - naturale - benessere quotidiano - [KIT CON ESSENZA AMBIENTE]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 63€
(Risparmi 7€)




COMMENTI SULL' ARTICOLO