Risposta : pesco senza fiori

Risposta : pesco senza fiori

Ci sono alberi che passano alla storia per essere parte di una canzone o di un’opera d’arte letteraria. Ci sono alberi che fanno parlare di sé perché vantano dimensioni eccezionali e fuori dalla norma. Ci sono alberi che piacciono perché rappresentano la tana e la culla per diverse specie animali. E ci sono alberi che piacciono perché riescono a dare al mondo dei frutti meravigliosi. Nel caso del pesco, possiamo dire che quest’albero metta d’accordo un po’ tutti: lo ritroviamo nei versi di Lucio Battisti e lo ritroviamo laddove si vogliano consumare dei frutti succosi e dolci.

Il pesco è tutto questo e tanto altro ancora, il pesco è uno dei motivi per cui la natura durante il periodo estivo è un vero e proprio artista, e ci regala opere che spesso non riusciamo ad apprezzare. Originario della Cina, il pesco è arrivato in Europa grazie ad Alessandro Magno e oggi viene coltivato e apprezzato praticamente in tutto il mondo. Il primato della coltivazione e del consumo spetta agli Stati Uniti. Tra succhi, liofilizzati, frutta e marmellate, oggi il pesco è un vero e proprio punto di riferimento.

In Italia le prime coltivazioni intensive di pesco fanno riferimento all’Emilia Romagna, ma con il passare del tempo questa pianta si è diffusa anche in Campania e in altre regioni del Sud Italia. Oggi in ogni regione esiste il pesco coltivato a livello intensivo: in Italia questa pianta ha messo ormai radici profonde, e dovunque si vada c’è la possibilità di godere dello spettacolo offerto dalla sua polpa e dai suoi frutti.

Risposta : pesco senza fiori

Labello balsamo per labbra formato famiglia 2+1 fragola, Hydro Care e Classic Care.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€




COMMENTI SULL' ARTICOLO