Parassiti pesco

Parassiti pesco

Nel momento in cui si ha intenzione di coltivare delle piante come il pesco, è fondamentale mettere in evidenza come si tratta di specie che vengono coltivate da secoli praticamente in tutto il mondo, visto che hanno una grande capacità di adeguarsi praticamente ad ogni tipo di clima, soprattutto quelli temperati.

Ovviamente, il fatto di andare in riposo vegetativo nel corso dell’inverno ha portato le piante di pesco a resisterne con maggiore forza le basse temperature e il gelo della stagione più fredda: il fatto che si tratta di una pianta tipicamente rustica permette proprio di poterla coltivare in tantissime zone, anche dove gli inverni sono molto rigidi.

Non dobbiamo dimenticare come la concimazione è una di quelle operazioni che si devono necessariamente svolgere al termine della stagione invernale, cercando di prestare la massima attenzione al terreno tutto attorno alla pianta. Per la concimazione il consiglio da seguire è quello che prevede l’impiego di stallatico ben giunto a maturazione piuttosto che di un concime a lenta cessione.

Importante anche sottolineare come altre concimazioni si possono portare a termine nel corso della fase in cui i frutti giungono a completa maturazione: l’obiettivo non può che essere quello di ottenere un buon miglioramento per quanto concerne sia le dimensioni che il gusto dei frutti stessi.

Non dobbiamo scordare come le piante di pesco hanno una grande necessità di acqua, visto che non sopportano i periodi di siccità, che possono provocare danni ingenti a queste specie.

Parassiti pesco

Vivai Le Georgiche Parthenocissus Veitchii (Ampelopsis)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€




COMMENTI SULL' ARTICOLO