Come coltivare il fior di pesco

Come coltivare il fior di pesco

Il pesco è una pianta da frutta che presenta numerose varietà. Tra queste, quella che va sicuramente ricordata è la variante selvatica del pesco. Questa è presente solo in Vietnam e Cina, ovvero dove questi alberi sono originati prima che si diffondessero in tutto il mondo. La specie selvatica ovviamente si distingue dalle altre, sia perché cresce spontaneamente nei luoghi che trova a disposizione, sia perché dà frutti di gusto diverso, dire più buono sarebbe una banalità, ma è così. Ma oltre a questa prima distinzione tra le specie che crescono spontaneamente e quelle coltivate c’è tutta una differenziazione da fare a carico delle specie che invece crescono perché lo vuol l’uomo, per sfruttarle successivamente a livello commerciale. Tra queste si distinguono quelle con la buccia liscia e quelle con la buccia pelosa. I piccoli peli sono uno stratagemma di questo frutto per difendersi da condizioni avverse, e soprattutto da temperature e irradiazione solare troppo alte. Questo stratagemma infatti diminuisce e distribuisce diversamente l’energia sulla loro superficie. Quelle a buccia liscia di conseguenza vengono coltivate in zone in cui le temperature raggiungono valori meno elevati, e dove non sono direttamente esposte al sole per molte ore al giorno. Altra fondamentale distinzione è sul colore del frutto, questo viene definito carnoso, in quanto la sua polpa ha consistenza. Ma la sua polpa può esser gialla, come nelle pesche percoche, o può esser bianca. A seconda del colore della polpa abbiamo altre specie che occupano, complice la mano umana, ambienti estremamente diversi tra loro.

Mandorlo in fiore Poster Print (22 x 28)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38€




COMMENTI SULL' ARTICOLO



sitemap %>